manifestazioni

Festival
Festival

Rassegne

IXO

Collaborazioni
 

I Festival del TTB approfondiscono le tendenze e le ragioni estetico-formali sentite vicine alla propria linea, aprono inediti terreni di confronto con poetiche e pratiche sceniche diverse offrendo proposte spesso laterali ed eccentriche nell`approccio alla scena, legate al concreto fare artistico ed al tempo stesso allo studio e allo scavo teorico. Gli stage teorico-pratici si alternano agli spettacoli, spesso veri esperimenti dal vivo sugli spazi urbani.  
L’idea è di realizzare festival trasversali alle discipline performative tra prosa, teatro di figura, danza, canto e musica, nel tentativo di comporre in uno stesso cartellone appuntamenti di alta cultura teatrale (spettacoli ed esperimenti di teatro-danza orientale, produzioni ad alto tasso d’innovazione e ricerca, conferenze e seminari) e spettacoli popolari nei quali gli spettatori vengono invitati ad un “lavoro”: culturale, interiore, spirituale.


Argomenti correlati: Oriente - Occidente / Spazi Aperti

SONAVAN... LE VIE D`INTORNO
Dal 1985 al 2000 / Bergamo

STIAMO AMPLIANDO IL SITO. PRESTO ONLINE NUOVI CONTENUTI DA SCARICARE!   Festival Internazionale di Teatro, Musica,... (continua)
 


IL CENTRO E LA CIRCONFERENZA
2005, 2007-2009 / Bergamo

STIAMO AMPLIANDO IL SITO. PRESTO ONLINE NUOVI CONTENUTI DA SCARICARE! Festival Internazionale di Teatro, Musica, Danza. I... (continua)
 


LIBER A NOS
2010 / Bergamo

LIBER A NOS. Progetto multidisciplinare per le biblioteche di Bergamo Settembre - Dicembre 2010 Il progetto è stato... (continua)
 


CORTEO MANZONIANO
2004-2005 / Como e Lecco

STIAMO AMPLIANDO IL SITO. PRESTO ONLINE NUOVI CONTENUTI DA SCARICARE!   I Edizione, 9 - 10 ottobre 2004, Lecco II... (continua)
 


DOLCE E CHIARA LA NOTTE
Dal 1991 al 1999, 2001 / Como e Lecco

STIAMO AMPLIANDO IL SITO. PRESTO ONLINE NUOVI CONTENUTI DA SCARICARE!   La manifestazione ha assunto differenti... (continua)
 


IL MANTELLO DI ARLECCHINO
1995 / Entroterra romagnolo

IL MANTELLO DI ARLECCHINO, un mosaico teatrale nelle contrade dell’entroterra romagnolo. La manifestazione si è... (continua)
 


«La gente, si sa, faceva teatro dappertutto: nei salotti, nelle stalle e sulle aie, nei collegi, nei conventi, nelle parrocchie, nei bordelli, nei luoghi di deportazione e fra i militari. E si faceva teatro per scoprire la letteratura. O, al contrario, per scoprire il proprio corpo (qualunque cosa questo significhi), per sviluppare la propria creatività, o per individuare nella finzione un contrappeso alle costrizioni. Lo si faceva e lo si continua a fare.»
F. TAVIANI in Teatro e Storia, n°26 (2005)