pedagogia

Pedagogia per il pubblico
Pedagogia per il pubblico

Pedagogia per le scuole
 

Lo scopo del lavoro proposto dal TTB è quello di indagare le radici sotterranee dell`azione sulla scena. Attraverso la pratica diretta delle premesse e implicazioni creative dell`evento teatrale, intento finale è quello di un generale ampliamento della sensibilità percettiva e culturale, nonché la possibilità di utilizzare direttamente e in vario grado o a diverso livello le tecniche dell`esperienza teatrale a fini pedagogici e culturali.
Oltre ad una sua scuola di teatro, a complemento di queste premesse metodologiche e per un pubblico indifferenziato, il TTB organizza Rassegne oltre a riservare ampio spazio alla cultura del teatro nella programmazione dei suoi Festival.

LA BIBLIOTECA RENZO VESCOVI

Di particolare rilevanza è la creazione nel 2013 della “Biblioteca Renzo Vescovi”. Centinaia di volumi sul...

espandi     

  • Teatro occidentale ed orientale, di cui molti rarissimi e non tradotti in italiano, di proprietà di Renzo Vescovi, fondatore del TTB, vengono messi a disposizione di studenti e ricercatori, grazie alla collaborazione con  l’Università di Bergamo. Il materiale è consultabile presso la sede del TTB e i volumi sono rintracciabili all’interno del catalogo bibliotecario multimediale dell’Università di Bergamo.
    «Pregevole ed originale Fondo librario […] unico nel suo genere, per la compresenza di materiali bibliografici in lingua del tutto introvabili nelle biblioteche convenzionali e che, da tempo, è messo a disposizione di studiosi, docenti e studenti, anche non esclusivamente orientati agli studi teatrali, bensì interessati alla multidisciplinarietà di tematiche e approcci scientifici che tali raccolte riescono a proporre.» Prof.ssa AnnaMaria Testaverde - Università degli Studi di Bergamo.

LA SCUOLA DI TEATRO

Il T.T.B. Teatro tascabile di Bergamo - Accademia delle Forme Sceniche organizza presso la propria sede di Bergamo una Scuola di...

espandi     

  • teatro trimestrale dedicata a giovani interessati all`arte dell`attore (indipendentemente dalle loro altre eventuali esperienze nel campo).
    La Scuola è basata sulle tecniche e i metodi di lavoro sull`arte dell`attore messi a punto dal TTB nel corso della sua carriera artistica. Il tipo di iniziativa proposto è quello di ispirazione Vichiana, di conoscere il mondo psico-fisico del teatro nei suoi diversi aspetti attraverso la pratica diretta. Il lavoro alterna e compone esperienze di partecipazione, analisi, dimostrazione e documentazione che permetta di far emergere una forma, più o meno estesa o profonda, di "mente collettiva" che definisca senso e prospettiva  del lavoro nel suo stesso formarsi. I partecipanti vengono condotti alla conoscenza diretta del lavoro dell`attore attraverso una serie di esercizi ed esperienze:
    - Tecnica generale del corpo (Training)
    - Acrobatica elementare
    - Improvvisazione
    - Elementi di tecnica del teatro-danza orientale
    - Tecnica del teatro di strada (lo spazio, l`attore che suona, la drammaturgia del teatro di strada e altre specifiche, dai trampoli al mangiafuoco, uso degli accessori)
    - Tecniche vocali (canto e uso della voce).
    La Scuola potrà essere integrata da incontri con ospiti, testimonianze (filmate o dal vivo), spettacoli o spettacoli-dimostrazione ed è rivolta a chiunque sia interessato all’arte dell’attore. Nessun particolare requisito è richiesto.


    Scarica: / Flyer2013
    Argomenti correlati: Metodologia di lavoro

SPETTACOLI - DIMOSTRAZIONE

Il teatro contemporaneo non è (più) soltanto spettacolo. A questa sezione vanno ricondotti, in un’ottica...

espandi     

  • transculturale, gli spettacoli-dimostrazione sul teatro-danza orientale e sulle tecniche di lavoro sviluppate dal Teatro tascabile di Bergamo:
    FUOCHI D`ARTIFICIO: uno spettacolo-saggio con ragionamenti sull`arte dell`attore: arte e tecnica nel teatro contemporaneo.
    UNA ROSA BIANCA. I COLORI DELLA VOCE: uno spettacolo-dimostrazione sulle tecniche vocali del TTB.
    IL LAVORO DELL’ATTORE TRA ORIENTE ED OCCIDENTE: percorsi ed intersezioni: dall’attore giullare all’attore lirico attraverso l’esperienza del teatro di strada e della danza indiana.
    KONARAK. LA PAGODA NERA: teatro-danza classico indiano stile Orissi.
    IL RAJA DI KOTTARÀKKARA: teatro-danza classico indiano stile Kathakali.
    CANTI D`AMORE: teatro-danza classico indiano stile Bharata Natyam.
    Argomenti correlati: Oriente - Occidente / Spazi Aperti

SEMINARI E CONFERENZE

SEMINARI
Incontri di lavoro sull`arte dell`attore che mirano essenzialmente alla conoscenza e al dominio...

espandi     

  • del corpo (-mente) come mezzo espressivo principale.
    L’ATTORE SENZA NOME: materie d`insegnamento: giochi socializzanti, tecnica generale del corpo, acrobatica, ele¬menti di tecnica del teatro-danza orientale, tecnica del clown, improvvisazioni fisiche e vocali, tecnica della formalizzazione e del montaggio, tecnica del teatro in spazi non convenzionali, introduzione all’uso dei trampoli e degli strumenti musicali in funzione spettacolare.
    LA VOCE DEL CORPO-ORCHESTRA: un laboratorio sulle tecniche vocali.
    La voce libera, i risuonatori, la dizione, improvvisazioni e formalizzazione, costruzione della melodia vocale del testo.
    L’ATTORE CHE DANZA: un laboratorio sull`arte dell`attore fra Oriente e Occidente.
    Agli allievi si propone un`introduzione alla danza indiana attraverso l`esercizio e la pratica dei passi fondamentali, l’analisi e lo studio di possibili “traduzioni” per l’attore occidentale.
    In occasione della presenza in Italia dei Maestri orientali dell’IXO - Istituto di Cultura Scenica Orientale, il Teatro Tascabile di Bergamo organizza seminari intensivi che si rivolgono a quanti sono interessati alla cono¬scenza diretta della cultura scenica orientale.

    CONFERENZE
    Il  TTB ha messo a punto una serie di conferenze (talora integrate da documenti visivi e/o filmati) su  vari temi:
    LA COPPA E LA GRAZIA: tecnica e poesia del teatro orientale.
    LO SPAZIO DEL TEATRO: l`evoluzione dello spazio scenico e la sua pertinenza drammaturgica nel teatro contemporaneo.