Gruppo

 

LA DRAMMATURGIA DEL TEATRO DI GRUPPO

Il TTB progetta il proprio attore per progettare il proprio teatro ed elabora lungo il percorso gli strumenti e le linee di...

espandi     

  • questo progetto: è ricerca pura, a metà strada tra ricerca, impresa, processo iniziatico, itinerario di conoscenza. La pedagogia dell`attore ne è strumento e, al tempo stesso, fine. La formazione è tutt’uno con l`attività produttiva. La circolarità processuale dell`attività del Gruppo fa sì che l`apprendimento sia concepito come nelle botteghe d`arte d`antan, qualcosa che coinvolge, a livelli diversi ma con identica intensità, maestri e allievi. Il cosiddetto “allievato” diventa così un processo di reciproca conoscenza, integrazione e adattamento, molto più che un sistema di trasmissione didattica con un fortissimo investimento (emotivo, umano, professionale) verso i nuovi. Un`esperienza che rimette in discussione il Gruppo e le persone dei suoi componenti, ogni volta. E ne ridefinisce ogni volta, l`identità.
    Argomenti correlati: Gruppo / Metodologia di lavoro

LA COOPERATIVA SOCIALE

Dal 2011 il TTB è una società cooperativa sociale il cui scopo è quello di perseguire l`interesse generale...

espandi     

  • della comunità alla promozione umana e all`integrazione sociale dei cittadini e dove l’artigianato teatrale, e conseguentemente l’addestramento ad esso finalizzato, è basato su una forma di collaborazione fondata sulla distinzione dei ruoli, delle mansioni, delle specialità, ma non sulla divisione e la settorializzazione del lavoro implicando regole di comportamento e valori che mirano alla formazione di una “mente collettiva”.Lo spettacolo dal vivo, in particolare in spazi aperti, è stato da tempo sperimentato non solo come offerta di manufatti artistici, ma anche come procedura per rivitalizzare le relazioni fra gruppi ed individui separati, in situazioni di difficile interazione sociale, di emarginazione, di handicap, di differenze linguistiche, etniche, religiose ecc.

L’ESPERIENZA DEL TTB

Dopo l’incontro con i maestri orientali invitati da Eugenio Barba all’Atelier Internazionale del Teatro di Gruppo a...

espandi     

  • Bergamo (1977), il TTB inizia il suo percorso di ricerca nel campo del teatro-danza indiano e balinese e, successivamente, con l’Opera di Pechino. Dal 1978, gli attori del Tascabile si recano con regolarità in Oriente per poi specializzarsi in diverse discipline indiane, in particolare Bharata Natyam, Orissi, Kathakali e Kuchipudi. Contestualmente in questi 40 anni il Tascabile ha avuto anche una notevole funzione nel far conoscere il teatro classico indiano, organizzando e promuovendo tournée in Europa di grandi maestri e grandi danzatori attraverso la fondazione dell’IXO - Istituto di Cultura Scenica Orientale.  Per il TTB il confronto con l’India è il logico sviluppo del suo bisogno di conoscenza scientifica, di acquisizione tecnico-pratica, di risoluzione logica al problema dei fondamenti formali e teorici del proprio lavoro. L’esempio dell’Oriente era del resto stato additato fin dai primi anni del Novecento dai grandi Maestri del teatro come via per un rinnovamento completo ed un’arte nuova. Attraverso le danze indiane il TTB ha messo a punto quello che Renzo Vescovi ha chiamato  “L’attore lirico” e  “L’attore senza nome”. L’incontro del TTB con l’India è stato determinante non solo dal punto di vista dell’esplorazione di un nuovo ramo del sapere teatrale, ma anche dal punto di vista della creazione di un orizzonte mentale diverso, fatto di ricordi comuni, di termini tecnici, di competenze, di affetti, di convinzioni e di valori, come documentato dai diari di lavoro dei suoi attori e del suo regista Renzo Vescovi.

IL GRUPPO

Caratteristica del Teatro tascabile di Bergamo è quella di essere un “teatro di gruppo”. Lo contraddistingue...

espandi     

  • un lavoro che si svolge su un piano di interazione complessiva dei suoi membri, secondo il costume delle botteghe d`arte rinascimentali: non una “compagnia” ma un gruppo di persone unite da un costante lavoro quotidiano, relativo non solo alla preparazione di uno spettacolo, ma anche a tutto ciò che allo spettacolo sta intorno, realizzando specifici ed autonomi processi creativi non immediatamente “produttivi”, ma tali da determinare anche una parallela e continua elaborazione culturale.Dopo la scomparsa del fondatore e regista Renzo Vescovi (2005) il TTB inizia un cammino verso forme di regia collettiva, continuando la creazione di spettacoli al chiuso e all’aperto e la progettazione di iniziative culturali in collaborazione con Enti locali, nazionali ed esteri.
    Argomenti correlati: Gruppo / Mente Collettiva / Metodologia di lavoro