Maestri

 

LA BIBLIOTECA RENZO VESCOVI

Di particolare rilevanza è la creazione nel 2013 della “Biblioteca Renzo Vescovi”. Centinaia di volumi sul...

espandi     

  • Teatro occidentale ed orientale, di cui molti rarissimi e non tradotti in italiano, di proprietà di Renzo Vescovi, fondatore del TTB, vengono messi a disposizione di studenti e ricercatori, grazie alla collaborazione con  l’Università di Bergamo. Il materiale è consultabile presso la sede del TTB e i volumi sono rintracciabili all’interno del catalogo bibliotecario multimediale dell’Università di Bergamo.«Pregevole ed originale Fondo librario […] unico nel suo genere, per la compresenza di materiali bibliografici in lingua del tutto introvabili nelle biblioteche convenzionali e che, da tempo, è messo a disposizione di studiosi, docenti e studenti, anche non esclusivamente orientati agli studi teatrali, bensì interessati alla multidisciplinarietà di tematiche e approcci scientifici che tali raccolte riescono a proporre.» Prof.ssa AnnaMaria Testaverde - Università degli Studi di Bergamo.

MAESTRI E TECNICHE

Negli anni confluiscono differenti tecniche e diversi Maestri: ad Eugenio Barba e Jerzy Grotowski si aggiunge il lavoro con i...

espandi     

  • Fratelli Colombaioni per il lavoro sulla clownerie e l’acrobatica, il canto con Giovanna Marini, la voce con Gabriella Bartolomei, la danza indiana con Kalamandalam John, Usha Raghavan, Aloka Panikar, Pei Yan Ling per l’Opera di Pechino, I Made Djimat per la danza Balinese ed altri ancora. E poi si sviluppa l’autopedagogia per le metodologie d’improvvisazione a “danza pura” o “a compiti”, degli strumenti musicali, della voce e l’uso dei trampoli nel teatro di strada, attraverso il quale il TTB ha piegato lo spazio aperto ad una funzione drammaturgica: l`ennesimo crocevia tra colto e popolare, alto e basso, spettacolo "a chiave" e spettacolo "per tutti".

ATTIVITÁ RECENTI

Accanto alle attività storiche dell’IXO - Istituto di Cultura Scenica Orientale, il TTB continua la sua ricerca con...

espandi     

  • i viaggi-studio dei suoi componenti in India (Delhi e Kerala, 2011 e 2012). Nel 2011 ha prodotto un nuovo spettacolo di Kathakali Il dono di Arjuna. Nel 2011 e 2012 all’interno della rassegna “Il Teatro Vivo” ha organizzato una serie di incontri, seminari e spettacoli con la presenza di studiosi del settore e dei danzatori Praveen Kumar (Bharata Natyam) e Madhu Natraj (Kathak) vincitori del prestigioso Mohan Khokar Award. Nel 2013 la rassegna ha ospitato Guru C.V. Chandrasekhar (Bharata Natyam) e Ambika Paniker (Orissi), figlia di Aloka Panikar, maestra storica del gruppo.
    Argomenti correlati: Maestri / Oriente - Occidente

MAESTRI E TECNICHE

KALAMANDALAM M.K. JOHN, stile KathakaliDiplomato presso il Kerala Kalamandalam di Cheruthuruthy, la scuola indiana più...

espandi     

  • importante di questo stile classico è attualmente direttore del Kalatharamgini Centre for Performing Arts and Culture. Allievo dei celebri guru C. Padamanabhan Nair e Vijaya Kumar, Kalamandalam K.M. John ha presentato i propri spettacoli in India e all’estero nel corso di numerose tournée sin dal 1981. In collaborazione con il Teatro tascabile di Bergamo, ha condotto le tournée europee della Kerala Kathakali Troupe (1991), della Kerala Kathakali Sangam (1992) e della Kalatharamgini Troupe, raccogliendo intorno a sé i migliori maestri di questa danza.  ALOKA PANIKAR, stile Orissi Proviene da una rinomata famiglia bengalese di artisti di cinema e di teatro. Educata alla danza dal grande maestro di Kathakali Guru Gopinath, ben presto scoprì che il suo aspetto delicato e la sua personalità seducente si prestavano ammirabilmente alla danza Orissi. Fu dunque accolta come allieva prediletta dall’eminente Guru Maya Dhar Raut noto quale uno dei quattro ri-fondatori della danza Orissi. Aloka Panikar, per la perfezione del suo stile e l’intensità delle sue interpretazioni, è stata considerata tra le più efficaci interpreti in assoluto di danza classica Orissi. Attualmente lavora a Delhi, dove ha aperto una scuola di danza.  USHA RAGHAVAN, stile Bharata NatyamDiscepola del celebre guru Sri Adyar Laksmann, Smt. Usha Raghavan è una delle migliori rappresentanti della tradizione classica del Bharata Natyam di Madras (Chennai). Usha ha compiuto numerose tournée all’estero, in Asia e in Europa, dove è stata invitata dall’Unesco. La critica internazionale ne ha posto in rilievo le doti con unanimi apprezzamenti. Valga per tutti l’esempio della recensione che i giornali parigini hanno dedicato a questa “squisita esponente” del Bharata Natyam: «Il suo stile è così puro e chiaro che solo un  piccolo sforzo è necessario per comprendere il significato di quest’arte [...]. E’ una delle migliori e più belle danzatrici indiane mai viste in Francia». Attualmente vive e lavora a Londra dove ha fondato la scuola Kalasagara U.K.
    Argomenti correlati: Maestri / Oriente - Occidente

IXO

L`attuale momento della ricerca teatrale ha favorito la riscoperta della tradizione classica del teatro-danza orientale che tanta...

espandi     

  • influenza esercita sulla scena occidentale contemporanea.L’IXO - Istituto di Cultura Scenica Orientale fondato nel 1981 dal Guru Maya Dhar Raut della Bharatiya Kala Kendra di New Delhi e da Renzo Vescovi, promuove una serie di iniziative tese a diffondere la conoscenza del Teatro, della musica e della danza della tradizione orientale. Si avvale della collaborazione di un Comitato scientifico internazionale composto da artisti, studiosi e istituzioni dell`area orientale e occidentale che garantiscono il valore culturale e artistico-spettacolare delle manifestazioni organizzate.Dal 2011 collabora stabilmente con il Mohan Khokar Award (Bangalore) che premia annualmente il miglior giovane danzatore emergente nelle varie forme di teatro-danza indiano.L`IXO ha finora promosso centinaia di manifestazioni di cultura scenica orientale: singoli spettacoli e intere rassegne monografiche, progetti speciali, concerti, mostre, film, video, pubblicazioni per convegni, laboratori inter-universitari, congressi. Alle iniziative generali dell`IXO possono essere ricondotte le attività pedagogiche (stages, corsi, seminari ecc.), gli spettacoli-dimostrazione e gli spettacoli veri e propri di danza classica orientale presentate direttamente dagli attori del Teatro tascabile di Bergamo che cura per l’Italia e l’Europa l’aspetto organizzativo dell’IXO.
    Argomenti correlati: Maestri / Oriente - Occidente

L’ESPERIENZA DEL TTB

Il lavoro del TTB ha una storia che ha una sua connotazione culturale, politica, etica molto precisa. E’ anche la storia di...

espandi     

  • una ricerca tecnica in cui si coniugano istanze specifiche: la volontà di precisione e di rigore propri degli studi condotti dall’International School of Theatre Anthropology fondata da Eugenio Barba, e norme secolari, come la tradizione del Maestro, da tempo neglette nel teatro occidentale. Sono questi alcuni degli elementi che concorrono alla propria pratica attorale  e che si estendono fino a concepire il teatro, sia negli spettacoli di sala che in quelli in spazi aperti, come “centralità dell’attore”, il cui lavoro è la materia prima della produzione.Questo sviluppo teorico-pratico ha condotto ad esiti spettacolari diversi che hanno tracciato linee di stratificazione e differenziazione all`interno della produzione. Lo spettacolo più che l`atto finale di un ciclo di produzione è il prodotto dello stile processuale del lavoro, modellato attraverso la nozione di training e di improvvisazione, in un continuum incessante di esercizi e prove.

L’ESPERIENZA DEL TTB

Dopo l’incontro con i maestri orientali invitati da Eugenio Barba all’Atelier Internazionale del Teatro di Gruppo a...

espandi     

  • Bergamo (1977), il TTB inizia il suo percorso di ricerca nel campo del teatro-danza indiano e balinese e, successivamente, con l’Opera di Pechino. Dal 1978, gli attori del Tascabile si recano con regolarità in Oriente per poi specializzarsi in diverse discipline indiane, in particolare Bharata Natyam, Orissi, Kathakali e Kuchipudi. Contestualmente in questi 40 anni il Tascabile ha avuto anche una notevole funzione nel far conoscere il teatro classico indiano, organizzando e promuovendo tournée in Europa di grandi maestri e grandi danzatori attraverso la fondazione dell’IXO - Istituto di Cultura Scenica Orientale.  Per il TTB il confronto con l’India è il logico sviluppo del suo bisogno di conoscenza scientifica, di acquisizione tecnico-pratica, di risoluzione logica al problema dei fondamenti formali e teorici del proprio lavoro. L’esempio dell’Oriente era del resto stato additato fin dai primi anni del Novecento dai grandi Maestri del teatro come via per un rinnovamento completo ed un’arte nuova. Attraverso le danze indiane il TTB ha messo a punto quello che Renzo Vescovi ha chiamato  “L’attore lirico” e  “L’attore senza nome”. L’incontro del TTB con l’India è stato determinante non solo dal punto di vista dell’esplorazione di un nuovo ramo del sapere teatrale, ma anche dal punto di vista della creazione di un orizzonte mentale diverso, fatto di ricordi comuni, di termini tecnici, di competenze, di affetti, di convinzioni e di valori, come documentato dai diari di lavoro dei suoi attori e del suo regista Renzo Vescovi.